Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/html/plugins/content/fieldsattachment/fieldsattachment.php on line 145

Warning: Use of undefined constant count - assumed 'count' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /var/www/html/templates/awn/html/com_content/article/default.php on line 42

E’ stata presentata oggi  -  nel corso della Conferenza degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori alla presenza del commissario dell’ANAC, Michele Corradino - una Guida alla redazione dei bandi per gli affidamenti dei Servizi di Architettura e Ingegneria, alla quale saranno allegati gli schemi degli stessi bandi, che le stazioni appaltanti potranno utilizzare in relazione alle varie tipologie di affidamenti, nel rispetto del nuovo Codice dei contratti e delle Linee Guida emanate dall’ANAC.

La guida riserva particolare attenzione ai bandi per i concorsi di progettazione, che le amministrazioni aggiudicatrici  potranno adottare utilizzando un’apposita piattaforma informatica che il CNAPPC metterà a  disposizione delle stazioni appaltanti che intendano bandire concorsi per l’affidamento di servizi di architettura e ingegneria.

“L’obiettivo prioritario - spiega Rino La Mendola - Vicepresidente del Consiglio Nazionale e coordinatore del dipartimento Lavori Pubblici - è quello di  promuovere la procedura del concorso quale strumento ideale  per selezionare il miglior progetto ed il professionista da incaricare per le fasi successive della progettazione. Tutto questo consentirà non solo di garantire una maggiore qualità del progetto, ma anche di  snellire le procedure e di ridurre notevolmente i costi ed i tempi per l’organizzazione di un concorso anche rispetto agli affidamenti con l’offerta economicamente più vantaggiosa, che impongono tempi notevolmente più lunghi, spesso incompatibili con la partecipazione a bandi finanziati con fondi europei.”

Molto apprezzata la presenza di Michele Corradino, quale rappresentante  dell'ANAC,  verso la quale gli architetti italiani ripongono grande fiducia per i notevoli stimoli culturali che continua ad imprimere  alla riforma del quadro  normativo dei Lavori pubblici, per  una maggiore trasparenza, una più ampia concorrenza  e per un concreto rilancio del progetto al centro  del processo di esecuzione delle opere pubbliche.

"Siamo lieti per le sue espressioni di plauso nei confronti del nostro lavoro - ha detto ancora La Mendola – che premia il crescente impegno della categoria sui temi della trasparenza, della libera concorrenza, dell'apertura del mercato  e della legalità”.

Roma, 24 marzo 2017. 

Mappa del sito